Taglio rivalutazione: oggi prima udienza dei ricorsi Uilp

Taglio rivalutazione: oggi prima udienza dei ricorsi Uilp: “Finalmente oggi, con la prima udienza, comincia l’iter giudiziale che ci auguriamo porti a una pronuncia della Corte Costituzionale

Così, il Segretario generale Uil Pensionati Carmelo Barbagallo oggi 5 Aprile al Tribunale Civile di Roma, a margine dell’udienza iniziale del primo dei 5 ricorsi contro il taglio rivalutazione delle pensioni di importo superiore a 4 volte il Trattamento minimo Inps disposto dalla Legge di Bilancio 2023, che ha reintrodotto il meccanismo iniquo non per scaglioni ma per importi complessivi. La normativa in questione non attua alcun bilanciamento tra le esigenze legate ai diritti economici dei pensionati e l’esigenza di contenimento della spesa pubblica.

I ricorsi sono stati avviati dalla Uilp per conto 5 pensionati pubblici e privati provenienti da diverse aree geografiche del Paese. Le spese sono ovviamente a carico della Uilp.

Taglio rivalutazione, Barbagallo: la rivalutazione non è un aumento

“Il nostro obiettivo -continua Barbagallo- è arrivare alla pronuncia della Corte sulla illegittimità costituzionale dell’articolo della Legge di Bilancio che ha previsto il taglio. Una misura ingiusta, che ha interessato una platea vastissima di pensionate e pensionati, circa 3 milioni e mezzo. Inoltre la Legge di Bilancio 2024 non solo ha confermato il taglio, ma lo ha anche peggiorato, portando la rivalutazione per le pensioni superiori a 10 volte il minimo dal 32% al 22%. I danni sono permanenti e irreversibili, perché si ripercuotono sugli anni successivi.

Il ricorrente della causa odierna, con il meccanismo in vigore ha perso, nel solo 2023, circa 2200 euro. Si stima una perdita, nel corso degli anni, di oltre 30mila euro.

I pensionati di questo Paese sono stufi di essere trattati come un bancomat. Non è possibile che ogni volta che servono risorse si vadano a prendere dai pensionati. Non siamo un salvadanaio da rompere all’occorrenza. Le pensioni sono frutto di anni di lavoro e contributi e quelle italiane sono tassate il doppio della media europea. La rivalutazione non è un aumento, è un parziale adeguamento all’inflazione dell’anno precedente. Quando l’inflazione è alle stelle, come è stato negli anni passati, una piena rivalutazione di tutte le pensioni è più che necessaria, perché è l’unico strumento per tutelare il potere d’acquisto dei pensionati.

La Uilp crede fortemente in questa battaglia, che sarà lunga e impegnativa. Contiamo di arrivare a un importante risultato.”

Condividi

Potrebbe interessarti

Cedolino pensione di maggio

Cedolino pensione di maggio: una sintesi delle principali informazioni contenute nel cedolino di pensione di maggio 2024. Data di pagamento Il pagamento avverrà con valuta

Leggi Tutto »

Entra a far parte della grande Famiglia Uil Pensionati

Scarica qui il modulo delega, compilalo in tutte le sue parti ed allega un documento di riconoscimento in corso di validità.

Invia poi la documentazione compilando il form sottostante.

Se hai bisogno di assistenza alla compilazione della delega, puoi contattarci telefonicamente al numero 081 353 21 22.